International Experience

International Experience - Scambi Culturali L’importanza dell’inglese a scuola. La sfida vinta da International Experience e dalle scuole marchigiane.


La questione Lingue straniere continua ad essere uno dei nodi cardine della qualità dell’offerta formativa scolastica, veicolo di conoscenza e strumento fondamentale nelle mani dei nuovi cittadini europei che sono chiamati a padroneggiarle per poter poi affrontare le sfide del mondo globalizzato.

La scuola italiana deve rispondere a questa esigenza ed attivare percorsi in grado di allargare le frontiere ed offrire ai nostri ragazzi strumenti di conoscenza sul mondo che li circonda, nuove lingue, nuove culture, nuovi orizzonti. Per creare una nuova generazione di italiani che conoscano bene l’inglese, bisogna fare in modo che l’apprendimento sia precoce, attivando percorsi formativi in grado di favorire e potenziare l’acquisizione di una seconda lingua.

Per tutti questi motivi, International Experience promuove e si impegna ogni giorno per portare avanti il programma Language Tutor nelle scuole, offrendo la possibilità agli studenti italiani di mettersi in gioco con la lingua inglese, ospitando nelle proprie aule un tutor madrelingua.

Solo in questo anno scolastico sono stati 30 i tutor di lingua inglese, arrivati negli Istituti comprensivi della Regione Marche, ragazzi, ragazze, ma anche signori in pensione, proveniente da oltre oceano, che hanno affiancato con entusiasmo gli insegnanti italiani nelle loro lezioni di lingua inglese.

I tutor madrelingua, accuratamente selezionati hanno messo a disposizione le loro competenze,a supporto dell’insegnamento della lingua inglese, sia in orario scolastico che extra scolastico, per 15 ore settimanali. Il programma ha dato la possibilità agli studenti di comunicare in maniera continuativa con una persona madrelingua, sperimentando occasioni di uso reale e funzionale della lingua, oltre che la possibilità di potersi avvicinare ad una cultura diversa dalla propria vivendo un’esperienza di crescita formativa.

I Language Tutor hanno fornito ai docenti e ai ragazzi una preziosa occasione di confronto con una cultura diversa dalla propria, e un concreto esempio di come la lingua inglese non sia solo una materia da studiare tra i banchi di scuola, ma un mezzo vivo per comunicare con persone provenienti da tutto il mondo. I loro interventi hanno permesso ai ragazzi di esercitarsi con la dimensione operativa e funzionale della lingua, attraverso attività che hanno mirato al potenziamento delle competenze di listening e speaking, l’ampliamento del lessico, e il dialogo su argomenti di cultura generale (musica, sport, cibo, hobby, scuola, festività, abitudini anglosassoni).

“Il fatto di avere Joan, la nostra tutor inglese in classe – racconta Grazia, insegnante di scuola primaria all’Istituto Nardi di Porto San Giorgio -, mi ha aiutato tantissimo. Decidere gli argomenti da presentare in classe insieme a lei è stato molto stimolante, scambiarci idee e spunti i riflessione sull’apprendimento della lingua è stata una preziosa occasione di confronto, le mie lezioni di lingua sono state più interessanti e coinvolgenti.”

Entusiasti anche i piccoli alunni di quinta: “E’ stato bello conoscere Joan, vedere le foto della sua casa, le sue amicizie, conoscere le sue abitudini e i Paesi in cui è stata. Attraverso lei abbiamo conosciuto meglio il Regno Unito, le sue lezioni sono state molto divertenti e la ringraziamo tantissimo per essere venuta a Porto San Giorgio. Se un giorno andremo in Inghilterra e vedremo le cose di cui lei ci ha parlato, ci ricorderemo di lei!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × cinque =